L’IMPRESA COME SISTEMA VIVENTE

Quattro dialoghi con Massimo Mercati 

La complessità e l’intelligenza naturale indicano le linee guida per gestire le imprese e il ruolo di ognuno all’interno di esse. Nella consapevolezza che non è il profitto che crea il valore ma la creazione di valore che genera il profitto.

Ribaltando la visione tradizionale (gerarchica e riduzionista) della gestione aziendale, nel suo nuovo libro Massimo Mercati vede l’impresa come una organizzazione a rete che segue le regole della complessità dei sistemi viventi. Ripensandone radicalmente ragioni, pratiche, effetti sulla comunità e sulle persone.

I temi del libro sono approfonditi in una serie di dialoghi fra Massimo Mercati, AD di Aboca e autore di L’impresa come sistema vivente, e scienziati, imprenditori, economisti. Ecco il primo, con Fritjof Capra: il fisico e pensatore che con la sua “visione sistemica” tanto ha contribuito l’elaborazione di un nuovo paradigma. E il secondo, con Roberto Verganti, professore di Leadership and Innovation presso la School of Management del Politecnico di Milano. Nel terzo, Stefano Zamagni, professore ordinario di Economia Politica e Civile all’Università di Bologna, si interroga sul significato di “crescita” a partire da una frase chiave del libro:  “Non è il profitto che crea valore, ma è la creazione di valore che genera profitto”. Il dialogo conclusivo sarà con Anna Fasano, Presidente di Banca Etica.

MASSIMO MERCATI e FRITJOF CAPRA

MASSIMO MERCATI e ROBERTO VERGANTI

MASSIMO MERCATI e STEFANO ZAMAGNI

MASSIMO MERCATI e ANNA FASANO

12 Shares:
You May Also Like
Leggi di più

COME SARANNO I NEGOZI?

di Massimo Fabbro Non è facile immaginare il dopo. Il virus ci ha privati della socialità, anche nei…
Leggi di più

LO SCOIATTOLO PER AMICO

di Giovanna Zucconi Perché hanno una coda così folta? Vanno in letargo oppure no, come mai sono sempre…